© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » Donna Americana Affetta Da Una Rara Forma Di Tumore Al Pancreas

Donna Americana Affetta Da Una Rara Forma Di Tumore Al Pancreas

Rosemary McGinn, da tempo, si comportava come se fosse sotto l’effetto dell’acol e di stupefacenti.
I suoi parenti ed amici, preoccupati da questo atteggiamento, temevano che la loro congiunta fosse caduta nel baratro della dipendenza dall’alcol.

In realtà McGinn, 53 anni, solare ed iperattiva, era affetta da una rara forma di tumore al pancreas, l’insulinoma, che colpisce poche persone nel mondo.
Questa malattia si caratterizza per un’ elevata produzione di insulina e per l’ ipoglicemia oltre a preli che accompagnano il diabete: astenia, calo ipoglicemico, spossatezzasentare sintomi simili (e facilmente confondibili) a quelli che accompagnano il diabete: astenia, calo ipoglicemico, spossatezza, capogiri.
Mentre le cause dell’insulinoma sono ancora da investigare, l’approccio terapeutico è abbastanza chiaro e consiste nell’intervento chirurgico che permette di asportare la parte di pancreas affetta da tumore e dalla somministrazione di un farmaco specifico, il diazossido, per i soggetti che non possono sottoporsi ad intervento chirurgico perché affetti da altri problemi.

La diagnosi, invece, può essere fatta o attraverso regolari esami del sangue, o mediante una visita presso un centro diagnostico.
McGinn, ad esempio, ha scoperto di essere malata, solo dopo essersi sottoposta ad un esame presso il Monte Sinai Diabetes Center.

“Mi sentivo improvvisamente come ubriaca”, ha confessato McGinn, “quindi ho deciso di chiedere aiuto al dottor Ronald Tamler, direttore clinico del Monte Sinai Diabetes Center”.
Per capire la portata della patologia, ci affidiamo proprio alle parole dell’esperto. “Il livello normale di zucchero nel sangue è di circa 100 milligrammi / decilitro, quindi le persone iniziano a sentirsi male quando i livelli di zucchero si attestano al di sotto dei 70”, ha spiegato Tamler.

Il problema della signora McGinn è stato risolto solo in seguito ad un approfondito intervento chirurgico durato 90 minuti al Monte Sinai. Subito dopo la rimozione della parte Sinai, è stato risolto solo in seguito ad un approfondito intervento chirurgico n centro diagnostico.pdel tumore, la signora non ha più registrato i comportamenti strani che adottava prima.
“Sono davvero felice”, ha dichiarato la donna, “di aver dato un nome al mio malessere finalmente: in questo modo anche i miei parenti ed amici hanno capito che cosa si nascondeva dietro un comportamento del genere “.

Per capire meglio i meccanismi che portano a questa forma tumorale ancora poco nota, il dottor Tamler ei suoi colleghi hanno conservato la parte di tumore rimossa dalla signora McGinn, inserendola nella Banca dei Tessuti del Monte Sinai, una banca dati contenenti campioni di vario genere, utilizzati ai fini della ricerca scientifica.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *