© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Bellezza » Bellezza “Fai-da-te” » OLIO DI CALENDULA: BENEFICI ED IMPIEGHI SULLA PELLE

OLIO DI CALENDULA: BENEFICI ED IMPIEGHI SULLA PELLE

Lucia D’Addezio – I rimedi naturali sono un’alternativa efficace ed economica ai prodotti che troviamo al supermercato o in farmacia. Alcuni dei rimedi che sfruttano gli ingredienti che madre natura ci offre hanno delle proprietà davvero eccezionali. Uno di questi è l’Olio di Calendula, che può essere impiegato per innumerevoli trattamenti di tipo estetico o curativo. Scopriamo insieme quali sono le virtù di questo Olio quasi “miracoloso” e come utilizzarlo al meglio.

Cos’è l’Olio di Calendula?

L’Olio di Calendula viene prodotto mettendo a macerare i fiori della Calendula, una pianta caratterizzata da una radice fittonante e da un lungo fusto ricoperto da peluria, nell’Olio di Mandorle. Le parti fondamentali della pianta per gli impieghi erboristici sono le foglie, spesse e dentellate, ed i fiori, che spuntano in Primavera ed Estate e sono di colore giallo-arancione.

Quali sono gli impieghi più comuni dell’Olio di Calendula?

Grazie alle sue virtù calmanti e lenitive, l’Olio di Calendula può essere impiegato per trattare scottature, eritemi solari e irritazioni della pelle. Se avete un bimbo con la pelle delicata, potete usare l’Olio di Calendula per eliminare le irritazioni da pannolino. Grazie alle sue proprietà antiinfiammatorie, l’Olio di Calendula è ideale per curare le punture d’insetto e le dermatiti. E’, infine, un prodotto altamente nutriente e idratante, adatto a chi soffre di secchezza epidermica, screpolature, arrossamenti frequenti della pelle e allergie da contatto.

Come preparare l’Olio di Calendula in casa.

Acquistate in erboristeria (o procuratevi in natura) dei fiori di Calendula, riconoscibili per il loro profumo dolce ed intenso. Per ogni 100 grammi di fiori vi serviranno 500 ml di Olio di Mandorle dolci.

Per preparare il vostro Olio di Calendula dovete mettere i fiori nell’Olio di Mandorle e lasciarli macerare bene. Il contenitore deve essere ermetico, in modo da non disperdere i principi attivi dei fiori in macerazione nell’aria. All’interno del contenitore i fiori devono essere completamente ricoperti dall’Olio di Mandorle, in modo da rilasciare i principi liposolubili in essi contenuti nell’Olio.

Il barattolo con i fiori di Calendula e l’Olio di Mandorle va lasciato per 1 mese in un ambiente buio e fresco. Per evitare la comparsa di muffa o batteri è importante mescolare il prodotto ogni 2-3 giorni e richiudere immediatamente il tappo.

Passato un mese, filtrate il contenuto del barattolo e separate bene i fiori dal liquido. L’Olio è quasi pronto: trasferitelo in una bottiglia dotata di tappo e riponetelo in un ambiente fresco. Usatelo con l’aiuto di un batuffolo di cotone.

Autore | Lucia D’Addezio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *