© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Bellezza » Bellezza “Fai-da-te” » Acqua Di Rose: Cos’è, Come Si Usa e Come Prepararla In Casa

Acqua Di Rose: Cos’è, Come Si Usa e Come Prepararla In Casa

L’acqua di rose è uno dei “rimedi della nonna” più efficaci per la cura della pelle. I suoi impieghi sono numerosi, il risultato non ha nulla da invidiare ai prodotti di bellezza super-firmati ed è anche facilissimo prepararla in casa. Vediamo tutto quello che c’è da sapere sull’acqua di rose e sul suo utilizzo nella cosmetica fai da te.

Cos’è l’acqua di rose e come si usa?

L’acqua di rose è una sorta di “infuso” realizzato con acqua e petali di rose. Oltre a poter essere bevuta, con l’aggiunta di miele o zucchero, l’acqua di rose è un eccezionale rimedio naturale contro moltissimi inestetismi che colpiscono la pelle.

Le sue proprietà sono molteplici: l’acqua di rose può essere usata per detergere delicatamente la pelle con un batuffolo di cotone imbevuto, oppure per rinfrescare viso e corpo dopo l’attività fisica. Chi soffre di pelle grassa e Acne può approfittare delle virtù astringenti e decongestionanti dell’acqua di rose. Infine, chi ha notato la comparsa delle prime rughette e vuole tonificare un po’ la pelle senza ricorrere a prodotti di sintesi può senza timore applicare questo rimedio casalingo davvero infallibile.

Altre applicazioni dell’acqua di rose sono le seguenti: usatela per ammorbidire e levigare la pelle di viso e corpo; sostituitela alla crema profumata per la pelle che usate dopo la doccia; applicatela su occhiaie e borse sotto gli occhi per attenuarle; tamponatela sul viso per ridurre il fastidioso “effetto lucido” tipico di chi soffre di pelle grassa e Acne.

Come preparare l’acqua di rose?

Se volete preparare l’acqua di rose in casa procuratevi dei petali di rosa freschi. Portate ad ebollizione 1 litro di acqua distillata e aggiungete i petali, ben puliti. Per non dover filtrare l’infuso potete mettere i petali in un sacchetto di cotone. A questo punto dovete aspettare circa un quarto d’ora prima di spegnere il fuoco.

La vostra acqua di rose fai da te è quasi pronta. Non vi resta che lasciar raffreddare l’infuso e riporlo in una bottiglia (possibilmente di vetro) dotata di tappo a chiusura ermetica. Potete conservare l’acqua di rose per un paio di mesi in frigorifero senza che perda le sue proprietà curative.

Ora che avete preparato l’acqua di rose non dovete fare altro che utilizzarla: scuotete sempre bene la bottiglia prima dell’uso e non conservatela più a lungo di 2 mesi, altrimenti potrebbe andare a male.

Autore | Lucia D’Addezio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *