© Tutti i diritti riservati e della Proprietà di salute-e-benessere.org

Prima pagina ♥ » Salute » Ritenzione Idrica? Ecco Quali Sono Le Cause Principali

Ritenzione Idrica? Ecco Quali Sono Le Cause Principali

La ritenzione idrica è una delle cause dell’aumento di peso.
Se seguiamo una dieta ferrea e non registriamo una diminuzione di peso, il problema potrebbe essere la presenza di liquidi in eccesso nel nostro corpo.
I sintomi classici che accompagnano la ritenzione idrica sono gonfiore alle mani, ai piedi, alle caviglie, al viso, ed alle dita.
Quali sono le cause e le eventuali soluzioni per questo problema? Cerchiamo di scoprirle insieme.

PIU’ SODIO, PIU’ RITENZIONE

Un presenza eccessiva di sodio nella nostra dieta costituisce una delle principali cause di ritenzione idrica. Purtroppo il sodio è presente in quasi tutti i prodotti alimentari trasformati, ed in alcuni alimenti naturali che abitualmente consumiamo. Il consumo spropositato di alimenti ad alto contenuto di sodio rischia quindi di compromettere l’equilibrio del nostro organismo, generando conseguenze spiacevoli quali gonfiori e ritenzione.

CICLO MESTRUALE E RITENZIONE

La ricercatrice britannica Katharina Dalton ha studiato approfonditamente la correlazione che esiste tra le fasi premestruale e mestruale e la ritenzione idrica. L’esperta, in particolare, ha dichiarato che ad una fluttuazione dei livelli di zucchero nel sangue durante la fase premestruale corrisponde un’importante ritenzione idrica.
In pratica, durante la fase premestruale e mestruale si manifestano delle fluttuazioni ormonali. Nel periodo premestruale si verifica un esubero di estrogeni, mentre nella fase mestruale prevale il progesterone. In questi momenti, alcuni ormoni come quello antidiuretico vengono immancabilmente influenzati provocando quindi il fenomeno della ritenzione.

QUALCHE SOLUZIONE

Uno dei modi migliori per ridurre la ritenzione dei liquidi in eccesso è quello di garantire un apporto di sodio di 1.000 milligrammi al giorno. Per fare ciò, è importante leggere le etichette sugli alimenti e sincerarsi che essi non contengano un’ elevata quantità di sodio.
E’ importante, inoltre, condire i pasti con il sale marino durante la cottura evitando di aggiungere altro sale quando si è a tavola.
Per ridurre la ritenzione dei liquidi, è fondamentale anche utilizzare gli integratori di calcio. Gli esperti consigliano l’assunzione di 1.000 mg di calcio al giorno. Altri modi, molto efficaci, consistono nell’assunzione di prodotti diuretici naturali, come il pompelmo o l’acqua ed il limone. La cosa più importante, infatti, consiste nel rimanere adeguatamente idratati durante tutto il giorno.
L’esercizio fisico, inoltre, risulta particolarmente utile quando si cerca di sbarazzarsi dei liquidi in eccesso.
L’attività motoria, infatti, contribuisce a dilatare i vasi sanguigni drenando una maggiore quantità di liquidi verso i reni.

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *