© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Cancro Della Mammella: Le Proteine NEET ​​Potrebbero Essere Coinvolte

Cancro Della Mammella: Le Proteine NEET ​​Potrebbero Essere Coinvolte

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

Riducendo l’espressione di una coppia di proteine ​​note come NEET, NAF-1 e mitoNEET, sono state significativamente ridotte anche la proliferazione delle cellule del cancro al seno e le dimensioni dei tumori, secondo una nuova ricerca.

Le “NEET” sono proteine che si occupano del trasporto delle molecole di ferro o di zolfo di ferro all’interno delle cellule. Le proteine ​​naturalmente aderiscono alla superficie esterna dei mitocondri, che sono la “centrale” che rifornisce le cellule di energia chimica. I mitocondri svolgono anche un ruolo nel ciclo di vita di una cellula, compresa la sua morte. La nuova ricerca derivava da un recente studio CTBP sulla forma e sulle funzioni di una delle proteine, il mitoNEET. L’altra proteina, NAF-1, è strettamente legata alla prima. Il co-autore Dott. José Onuchic del Centro di Rice University di fisica biologica Teorica (CTBP), ha dichiarato che il nuovo studio è stato innescato dal riconoscimento da parte del team di una connessione tra le proteine NEET e le percentuali ridotte di cancro al seno tra le donne che assumono un farmaco per il diabete che colpisce le proteine mitoNEET. “Queste proteine svolgono un ruolo chiave nella risposta globale allo stress delle cellule. Ogni volta che si stressa un sistema, queste proteine ​​sono lì per aiutare, ma nei casi in cui ciò non accade, le NEET possono diventare altamente iperstimolate e questo ha attirato il nostro interesse in una connessione potenziale con il cancro“.

Mantenere la salute mitocondriale è un fattore chiave per la salute di una cellula” ha dichiarato la Dott.ssa Rachel Nechushtai, altro co-autore e professore presso l’Alexander Siberman Life Science Institute dell’Università Ebraica di Gerusalemme. Lei e Ron Mittler, professore di scienze biologiche presso l’Università del North Texas, Denton (UNT), sono esperti in ferro e metabolismo dell’ossigeno reattivo e hanno collaborato a uno studio preliminare che ha individuato un ruolo chiave per le proteine ​​NEET nel mantenimento della funzione mitocondriale nelle cellule in condizioni che ricordavano il metabolismo delle cellule del cancro. “Abbiamo scoperto che i nuovi movimenti ​​di controllo suggeriscono che le proteine ​​NEET possono essere il vostro migliore amico o esattamente il contrario“, ha commentato la Dott.ssa Patricia Jennings, professore di chimica e biochimica alla UCSD. Gli esperimenti nei laboratori dei Dott. Mittler e Nechushtai hanno rilevato una sovrabbondanza di entrambe le proteine nelle cellule del cancro al seno. Inoltre, il gruppo ha trovato una correlazione diretta tra i livelli della proteina NEET e la progressione complessiva della malattia. I risultati suggeriscono che la sovrabbondanza di proteina NEET è un fattore di crescita delle cellule tumorali, il che fa di questa proteina un obiettivo primario per i farmaci antitumorali.

Lo sviluppo di farmaci che agiscono su importanti vie cellulari che sono specifiche per le cellule tumorali è forse l’obiettivo più importante della terapia antitumorale“, ha detto Mittler. “Storicamente, le vie mitocondriali sono state in gran parte trascurate, ma i nostri risultati indicano che sono percorsi importanti che potrebbero avere un effetto significativo“. I Dott. Jennings e Nechushtai si sono occupati per primi degli studi sulla struttura molecolare delle proteine mitoNEET nel 2007 e sono stati anche i primi ad analizzare le caratteristiche strutturali uniche della proteina NAF-1, tre anni fa. Questo lavoro ha portato alla consapevolezza che entrambe le proteine avevano strutture simili, ma ha anche mostrato che avevano caratteristiche di superficie distinte, il che significa che ognuna interagisce con un diverso insieme di proteine ​​partner e possono essere prese di mira individualmente con i trattamenti farmacologici.

Il Dott. Jennings ha dichiarato che i ricercatori hanno intrapreso la strada meno facile nel loro ultimo ritrovamento. “Lavoriamo nel modo opposto rispetto alla maggior parte delle persone: iniziamo con la struttura di una proteina e ci spostiamo nella biologia da quel punto. Nel caso dei NEET, sapevamo della connessione con il diabete, e il lavoro di ricerca ha mostrato il punto di regolazione che coinvolge il metabolismo“, ha spiegato Jennings. “Gli studi funzionali ci hanno confermato che le proteine NEET hanno un ruolo storico nel metabolismo del ferro e dell’ossigeno reattivo“.

Idealmente, i ricercatori hanno spiegato, che vorrebbero vedere le case farmaceutiche impegnate a creare piccole molecole “personalizzate” per colpire le cellule tumorali e in grado di bloccare le proteine NEET per non farle interagire con altre proteine ​​che sono i principali responsabili della resistenza ai farmaci chemioterapici. “C’è anche la possibilità che l’uso di questo approccio potrebbe rendere i tumori più sensibili alla chemioterapia standard. Il sistema immunitario è addestrato a fare resistenza a un attacco, ma a un attacco coordinato“, ha concluso il Dott. Onuchic.

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Cancro Della Mammella: Le Proteine NEET ​​Potrebbero Essere Coinvolte
5 (100%) 4 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Cancro Della Mammella: Le Proteine NEET ​​Potrebbero Essere Coinvolte
5 (100%) 4 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

mononucleosi immagine

Mononucleosi in Adulti, Giovani e Bambini: Sintomi, Cura e Rischi in Gravidanza

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *