© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Cancro Del Sangue Nei Pazienti HIV: Nuove Scoperte

Cancro Del Sangue Nei Pazienti HIV: Nuove Scoperte

Una prima relazione ritiene possibile che gli inibitori BRD4 possano combattere il linfoma da effusione primaria.

I ricercatori della USC Norris Comprehensive Cancer Center hanno scoperto un nuovo modo promettente per il trattamento del tumore del sangue, raro e aggressivo, che si può trovare più comunemente nelle persone che soffrono di infezione da HIV. Il team della USC ha dimostrato che una classe di farmaci chiamati “inibitori della BET” (bromodomain) possono essere efficaci per l’effusione primaria da linfoma (PEL), un tipo di cancro per il quale non ci si aspettava assolutamente l’efficacia di quel determinato farmaco. “Un vero rovesciamento del paradigma“, ha dichiarato il Dottor Preet Chaudhary, dirigente della Divisione Nohl di Ematologia e Malattie del Sangue presso la Keck School of Medicine della USC e ricercatore principale dello studio. “I nostri risultati suggeriscono che questa nuova classe di farmaci può essere un trattamento efficace per una più ampia gamma di tumori, rispetto a quanto si pensasse“.

La PEL è causata da infezione del sarcoma di Kaposi associato all’herpes virus, la causa più comune di cancro tra i pazienti che soffrono di AIDS. La prognosi per la PEL è scarsa, con una sopravvivenza media di 3-6 mesi, quindi vi è una necessità urgente di nuove terapie per la malattia. Il Dottor Chaudhary e i suoi colleghi dimostrano che gli inibitori di targeting della proteina BRD4, bloccano la crescita delle cellule PEL in una provetta e in un modello di cavia: i risultati sono stati sorprendenti perché gli inibitori BET sono stati pensati per essere efficaci solo contro i tumori legati a una sovraespressione del gene Myc. “In realtà abbiamo scoperto che i tumori che iperesprimono il gene Myc non sono così sensibili agli inibitori BRD4. La PEL è più reattiva“, ha aggiunto lo scienziato.

Tumori come il mieloma multiplo e linfoma di Burkitt iperesprimono il gene Myc e hanno dimostrato di rispondere agli inibitori BRD4. Nella PEL, il gene Myc è moderatamente espresso e non c’è spostamento cromosomico, come si vede invece nel mieloma multiplo o nel linfoma di Burkitt. Ovviamente più ricerca è necessaria per creare i composti pronti per i test nelle persone, ma una volta che saranno pronti per la sperimentazione clinica, i dati di questo studio suggeriscono che potranno trattare un’ampia gamma di tumori. Il Dottor Chaudhary anticipa che eseguirà test usandoli da soli e in combinazione con altri farmaci.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Oncogene”, del gruppo Nature Publishing.

Per maggiori informazioni visitate il sito dell’Università Southern California – Scienze della Salute.

26 giugno 2013

Autore | Daniela Bortolotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Palmitoiletanolamide pea

Palmitoiletanolamide (PEA): Antidolorifico, Antinfiammatorio – Integratore Alimentare

PALMITOILETANOLAMIDE – E’ stata scoperta nel 1957 e il Premio Nobel Prof.ssa Rita Levi Montalcini …

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...