© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Unghie Incarnite: Tutto Quello Che C’è Da Sapere

Unghie Incarnite: Tutto Quello Che C’è Da Sapere

I medici lo chiamano onicocriptosi che, tradotto, significa “unghie incarnite”.
Molte persone sono alle prese con questo disagio che, il più delle volte, comporta veri e propri problemi.
L’onicocriptosi si manifesta quando parte dell’unghia (del piede o della mano) si conficca nella pelle provocando gonfiore ed infiammazione. Di solito ciò si verifica quando il letto ungueale risulta insufficiente a contenere l’unghia che, quindi, per espandersi, crea un solco anomalo.

CAUSE

Non esiste un’unica causa che determina il problema dell’unghia incarnita.
Esso, infatti, è dovuto ad una cattiva pedicure (spesso tagliamo le unghie in modo errato dando vita ad irregolarità); all’utilizzo di calzature strette; alla cattiva igiene (spesso non siamo soliti cambiare i calzini più volte al giorno); all’obesità; alla cattiva postura; alle micosi; alla malformazione dell’unghia.
L’onicocriptosi, inoltre, può verificarsi anche quando qualcuno, distrattamente, ci calpesta il piede (succede soprattutto se frequentiamo le sale da ballo o ambienti notoriamente affollati).

Come si manifesta l’onicocriptosi? Innanzitutto essa è accompagnata da dolori più o meno forti all’unghia (l’intensità dipende dallo stadio in cui si trova l’unghia incarnita); inoltre, si può assistere alla comparsa di vesciche che, scoppiando, determinano un cattivo odore. In alcuni casi, l’infezione può degenerare in un’erisipela che è una infiammazione provocata dallo streptococco.

RIMEDI NATURALI E NON

Curare l’unghia incarnita non è sempre facile.
Se la situazione è grave ed irrisolvibile manu propria, occorre rivolgersi ad un podologo o al proprio medico di fiducia. In alcuni casi, infatti, l’unica soluzione praticabile consiste nell’intervento chirurgico: il medico inciderà la parte di carne compromessa, rimuovendo l’unghia incarnita; anche l’ intervento al laser che va ad eliminare la matrice che ha originato l’unghia incarnita, risulta molto efficace.

Nei casi in cui l’unghia incarnita non abbia dato origine a gravi infezioni che richiedono l’intervento chirurgico, è possibile guarirla con semplici ed efficaci rimedi.

Il pediluvio antibatterico, ad esempio, costituisce una delle più importanti soluzioni. Riempite una grande vasca di acqua calda. Aggiungete alcuni cucchiai di sale e mescolate. Immergete il piede affetto dall’infezione per 15 o 20 minuti ogni giorno. L’acqua calda ammorbidirà la pelle intorno all’unghia incarnita mentre il sale aiuterà a combattere l’ infezione riducendo il gonfiore. Dopo aver imbevuto i piedi, rimuovete il sale con acqua calda e sapone; quindi risciacquate. Il pediluvio può essere arricchito dall’aggiunta di un disinfettante a base di clorexidina.

L’altra soluzione consiste nell’indossare un paio di calze pulite ogni giorno. Anche se è impossibile mantenere i piedi completamente privi di germi, il continuo ricambio dei calzini riduce il rischio di infezione.
Ricordate di utilizzare scarpe comode così da non ostacolare la libera e corretta crescita dell’unghia.
Infine, tagliate l’unghia il più dritto possibile, a forma quadrata, con un tagliaunghie adeguatamente disinfettato.

CURIOSITA’

Sapevate che il pomodoro maturo (avvolto in una garza e posto sull’unghia incarnita per alcune ore) è in grado di alleviare i dolori?
Sapete che cos’è l’artiglio rapace?
Si tratta di un tipo particolare di unghia incarnita caratterizzata dalla forma ricurva e dal colorito giallastro (soprattutto le persone anziane soffrono di questo problema).

Autore | Marirosa Barbieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Dai un voto al mio lavoro, per favore.

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali.

Prova anche

Prince, Il Dolore Cronico e La Contraffazione Dei Farmaci

Prince, Il Dolore Cronico e La Contraffazione Dei Farmaci

Farmaci falsi: credevo di averle sentite tutte, ma più passano gli anni e più resto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti Alla Newsletter Della Salute

Da oggi puoi ricevere GRATIS gli ultimi articoli pubblicati su Salute e Benessere direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Se ti son piaciuti i temi da me trattati e la qualità del lavoro svolto, torna a trovarmi quando pubblicherò un nuovo approfondimento sulla salute ed il benessere.

Tu, ti iscrivi. 
Io ti mando le novità appena pubblicate, così che anche tu possa partecipare alla discussione!
La tua migliore email...