© Tutti i diritti riservati e proprietà della Dott.ssa Viola Dante

Prima pagina ♥ » Salute » Mammografia Ed Eccesso Di Diagnosi Di Cancro Al Seno

Mammografia Ed Eccesso Di Diagnosi Di Cancro Al Seno

Help – aiuto!
»L'articolo è troppo lungo o hai bisogno SUBITO d'aiuto?  Lascia un commento . Clicca qui: ti aiuterò personalmente il prima possibile – Dott.ssa Viola Dante =)

Secondo un recente studio, gli esami regolari di mammografia per il cancro al seno potrebbero causare un “eccesso di diagnosi” e portare al trattamento donne con tumori che non avrebbero causato malattia o morte.

Dopo una ricerca effettuata a livello di contea da funzionari sanitari degli Stati Uniti, si è scoperto che i dottori tendono a trovare piccoli tumori e lesioni pre cancerose nelle zone in cui si effettuano mammografie più frequentemente.

Ad ogni modo, il tasso di mortalità per cancro al seno non sembra diminuire nelle aree in cui vengono effettuate più mammografie, scrivono i ricercatori della Harvard University and Dartmouth.

“La spiegazione di ciò è che la diffusa sovradiagnosi, quindi vi è un aumento delle diagnosi di piccoli tumori, ma il tasso di mortalità resta invariato” sostengono gli autori dell’articolo pubblicato sul JAMA Internal Medicine Journal.

Ma gli esperti sottolineano che questi risultati non devono portare a pensare che le mammografie siano inutili o dannose.

” La mia preoccupazione maggiore è che passi l’idea che la mammografia non riduca il rischio di mortalità” ha affermato il dott. Richard Wender, responsabile del controllo del cancro alla American Cancer Society.
“Questo fatto è già appurato. Non serve discutere ancora sul fatto che la mammografia salvi la vita”.

Degli studi precedenti hanno dimostrato che i test di mammografia riducono il tasso di mortalità per cancro al seno di almeno il 20% nelle donne con età superiore ai 40 anni, ha detto Wender.

Ad ogni modo, le nuove scoperte indicano che alcune donne possono sottoporsi al test di mammografia con minor frequenza, ha affermato il dott. Harold Burstein, un medico del programma oncologico al Dana-Farber Cancer Institute di Boston.

“Le mammografie sono sempre importanti, ma dobbiamo capire quali donne ne hanno più bisogno e con quale frequenza”, ha aggiunto Burstein, che è anche consulente alla American Society of Clinical Oncology.

“Questo studio pone l’attenzione ai medici e alle donne sui risultati ed i limiti delle mammografie, e sulla necessità di discuterne in modo più approfondito,prima di stabilire a priori che la mammografia va fatta una volta l’anno”, ha aggiunto Burstein, che non ha partecipato allo studio.

Viene inoltre evidenziato il bisogno di una ricerca che aiuti i dottori a riconoscere i tumori più pericolosi da quelli che non necessitano immediate cure, ha detto il dott. Joann Elmore, un professore di medicina e professore aggiunto di epidemiologia presso l’Università di Washington a Seattle .

“Voglio avere la possibilità di dire ai miei pazienti: il tuo tumore al seno non è nocivo. Non devi subire una mastectomia” ha aggiunto Elmore.

Gli studiosi hanno esaminato i dati di oltre 16 milioni di donne di età superiore ai 40 anni, iscritte ai registri di Sorveglianza ed Epidemiologia di 547 contee nell’anno 2000. Questi registri sono tenuti dal U.S. National Cancer Institute.

Tra queste donne, a 53,207 è stato diagnosticato il cancro al seno quell’anno e sono state seguite nei successivi 10 anni.

I ricercatori hanno successivamente eseguito un confronto tra contee tra i tassi di mammografie, l’incidenza di cancro al seno nell’anno 2000 e i decessi per cancro al seno nel periodo di controllo. Nello specifico , hanno verificato la percentuale di donne di età superiore ai 40 anni che avevano fatto una mammografia nei 2 anni precedenti.

Si è scoperto che, quando gli screening di tumore al seno aumentavano del 10%, le diagnosi di tumore al seno aumentavano complessivamente del 16%.
Inoltre, la diagnosi di tumori minori, di 2 cm o meno, aumentava del 25%.

Ma l’aumento degli screening non ha causato una differenza significativa nel numero di decessi per cancro al seno.

Burstein ha affermato che tali risultati potrebbero essere compromessi dal fatto che ci si sia concentrati solo sulle donne che avevano fatto la mammografia negli scorsi 2 anni.

“Ciò non include il fare una mammografia ogni tre o quattro anni, o non farla affatto”, afferma Burstein. ” Non è uno studio di mammografia contro non mammografia. Si tratta di un confronto tra donne che fanno mammografie frequenti rispetto alle altre.”

In più, il controllo successivo potrebbe essere stato troppo breve per mostrare i reali vantaggi della mammografia, ha affermato Wender.

“Nei tumori piccoli, i benefici sul rischio di mortalità emergono dopo 15 o 20 anni. ” ha dichiarato. ” I tumori piccoli possono causare la morte solo dopo questo lasso di tempo”.
Per concludere, Burstein ha detto che gli studi su vasta scala non tengono conto delle informazioni dei singoli pazienti.
“Gli studi non sono abbastanza specifici per determinare se una donna in particolare che non ha fatto la mammografia, l’avrebbe fatta in seguito o meno” ha dichiarato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Mammografia Ed Eccesso Di Diagnosi Di Cancro Al Seno
5 (100%) 1 voto/i
caricamento...
» Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi conoscermi meglio o contattarmi in privato, puoi farlo su Facebook o seguirmi su Twitter o aggiungermi tra le cerchie di G+. Mi trovi anche su LinkedIn e Pinterest!
Mammografia Ed Eccesso Di Diagnosi Di Cancro Al Seno
5 (100%) 1 voto/i
caricamento...

Chi sono? Viola Dante

Sono una farmacista. Ho studiato presso l'Università degli Studi di Palermo dal 2003 al 2008. Poi è arrivata la laurea: 110/110 e Lode. Il percorso di studi è andato benissimo ed ho preso tutto quello che potevo dai professori, ma oggigiorno sarebbe riduttivo descrivermi come una professionista del farmaco e della salute. Potrei piuttosto definirmi una farmacista blogger. Amo quello che faccio. Ed ancor di più amo offrire delle soluzioni che migliorino la salute degli italiani ormai vittima di bieche mistificazioni anche in questo campo. Spero di riuscire a trasmettervi la mia smisurata passione per la galenica e per la preparazione di rimedi naturali. E-mail: viola.dante@email.it

Prova anche

mononucleosi immagine

Mononucleosi in Adulti, Giovani e Bambini: Sintomi, Cura e Rischi in Gravidanza

Newsletter - 100% GRATIS e senza pubblicità!

Rimani aggiornato! Sarò la tua agenda personale, per tenerti in forma ed in salute ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *